Categorie
Poesia

Se amore vero è, poi non si placa


mercoledì 29 luglio15

Di quel coraggio ormai già consumato

ch’era per me orgoglio e presunzione,

rimane qualche torre e delle mura

diroccate e nere per i passati incendi

di guerre che il ricordo non perdona.

.

Può tempo scoraggiare anche gli eroi

e non ero eroe. Mi fece cavaliere la passione,

le tue guance di luce porporina e la carezza

che mani mi prendea e molto d’altro,

cuore, cervello, anima giovanil e tutto il resto.

.

Ritorno spesso e molto spesso in sogno

a quelle torri irte, come lo fu da sempre la mia spada

nelle sere d’aprile col desiderio che si fa cavallo

e batte con gli zoccoli sul duro, batte forte.

.

Come quel cuore che non è più mio.

.

Abner Rossi  

Categorie
Poesia

Distanze e abissi


bininuova11

So che non sai veramente chi sono

ed io ti ho persa in un ieri distratto.

Siamo tutti stranieri, oltre il confine

di un’intimità illusoria.

.

Emigriamo da noi stessi

con abiti omologati e maschere improbabili

usando per vizio modalità scadute.

.

Siamo tutti uguali e tutti distanti,

chiusi in bolle di sapone individuali

dove ognuno è quel che crede d’essere

e la verità dei sensi trasformata in inutilità.

.

La distanza, che pare successo,

la fanno gli abbracci non dati,

i baci evitati, le carezze stereotipate,

quella rete di suggestive parole

stesa con cura e con perfetta finzione.

.

Pur sapendo del breve percorso obbligato

siamo felici mentre ci adoriamo l’un l’altra

con rituali di competizione e falsa nobiltà.

.  

Abner Rossi (giugno 2021).

Categorie
Poesia

NOI


bininuova10

Abbiamo visto grandi foreste

al vento, più vive di noi, innamorate,

altre volte riarsi deserti, vivi comunque

e lontani cimiteri di elefanti.

.

Ci siamo persi, è vero

in tante ideologie lucidandole al nuovo,

in stili di vita imbarazzanti, in modi di essere,

in valori di eredità a noi nemiche.

.

Cancellato intelligenze e saperi,

dimenticato perché era meglio dimenticare

che sapere di  essere una mancata novità

più e più volte consumata.

.

Altri direbbero che abbiamo rinunciato

anche a quella parvenza di umanità

che dovrebbe guidare passi nobili.

.

Altri, di me più religiosi,

direbbero che siamo anime perse

in lenta e ossessiva transumanza

in direzioni vaghe e posticce.

.

Io sento d’altro e in questo

che sempre ci siamo guadagnati

il salatissimo biglietto di andata e ritorno

e niente ci è mai stato regalato.

.

Io sento

che stiamo viaggiando verso il sole

affaticati nelle ombre contraddittorie

di una stirpe fatta e scritta per volare

che non desidera sapere di avere ali.

.

Nel bene e nel male stiamo comunque

viaggiando ancora.

.

Abner Rossi

immagine di Giampiero Bini

Categorie
Poesia

Un’antica Signora


manichino decollato

Si va per abitudine spesso

altre volte vivere è vizio e speranza

quasi mai un respiro goduto, un abbraccio,

qualcosa da prendere al volo.

Lo so, piace circoncidere i sogni

tenerli rinchiusi, sepolti, traditi

sommersi da tante parole non dette

o dette alle spalle del niente.

Conoscete tutti quella letteratura

che sparla scrivendo a se stessa, premiata,

portata in salotti dove il velluto si spreca

e dove l’ultimo genio si loda e si specchia.

Scrivere è un’antica signora

che passa il suo tempo per strada

è viva, si batte, non sa di nobili scale

e sa che salire è fatica, sudore, anarchia.

Pensiero da trasformare, cancellare,

correggere, tingere dei colori della notte

e dell’insonnia quando s’apre al mattino,

se poi c’è del fango e del vento che suona

allora è tutto perfetto e poi vola.

Abner Rossi (martedì 27 aprile 2021)

Immagine del pittore Giampiero Bini.

Categorie
Poesia

Il tempo delle risposte


donna in giallo

Sai che fu un caso a legarci

lo stesso che ogni giorno riafferma,

ora per ora, inspiegabilmente.

.

E si che i nostri temporali

non sono mai stati vestiti stirati,

ben piagati e pronti

per una ideologia di pace

che non vogliamo avere.

.

Tantomeno eleganti messinscena

curate in tutti quei particolari necessari

ai drammi che più ci piacciono.

.

Intanto passano geografie, lustri,

qualche razional-geometrico pensiero,

modi diversi di vivere e pensare,

punti di vista, inquadrature, letture dei fatti,

origini diverse, (più borghesi le tue),

inutili verità tra le tante false convinzioni,

tante ridicole abitudini, (ossessive le mie).

.

Sarebbe appunto tempo di risposte

se questo amore fosse una domanda.

.

Abner Rossi

17 aprile 2021.