Categorie
Poesia

Del mio volare basso e delle sfide


Falco pecchiaiolo

Non fosse stato per quel falco campagnolo

o se a sei anni già non lo invidiassi,

di certo oggi sarei quel vecchio saggio

con barba bianca e modi da signore.

.

Sarei rimasto un vascello da varare

legato al molo da regole precise.

.

Di quel falco con la coda nera

amavo i lunghi fischi del suo arrivo,

i voli in cerchio, le picchiate improvvise,

il suo virare in alto e poi sparire.

.

Lo trovavo un po’ presenzialista,

un presuntuoso che spadroneggiava,

probabilmente un grande idealista

che credeva nelle proprie convinzioni

o forse solamente un narcisista

che si specchiava negli occhi delle prede.

.

Nonostante i giochi di bambino

passavo ore con il naso in alto

e quando non veniva ho anche pianto,

c’era un qualcosa che mi affascinava

nel suo modo di essere nel mondo.

.

Forse

il volo solitario e silenzioso,

l’arrivare nel vento senza alcun preavviso,

la sua eleganza, la sua lunga vista, l’appetito,

il suo volare in quota più di altri.

.

La volontà, la passione, l’immediatezza

e la vertigine continua del cercare,

come unico scopo della vita.

.

Abner Rossi

martedì 1° Giugno dicembre 2021.

Categorie
Poesia

L’Albero di domani


Categorie
Poesia

A travers les étoiles du ciel


terraJe regarde souvent en haut “cette pelote à épingles”

en me demandant si mon intéret d’homme curieux

est vraiment haut, je suis en effet  trop distrait

et provisoire.

.

Cela me rappelle ma grand-mère

lorsqu’elle cousait pour toute la famille

et pour moi elle faisait des pantalons courts

et des chemises à carreaux:

elle marquait à la craie les endroits à couper

et les fixait avec des centaines d’épingles,

quelques unes vieilles et noircies, d’ autres brillantes

dans une faible lumière, sur sa chaise de cuisine.

.

Elle procédait au hasard,

aussi bien qu’ au hasard me paraît ce ciel haut.

Plus probables que les souvenirs

je pense que là-haut il existe des personnes

qui, après leur vie, vivent d’autres histoires.

.

Patientes, elles saluent avec une lumière clignotante,

endurent les nuages, luttent pour être vues,

tournent, se montrent pour toujours et par amour.

.

Les plus grandes sont originaires de mon village,

des familles entières, pas à pas, main dans la main,

d’autres sont aussi seules que des îles à découvrir,

mais ce n’est qu’une saison provisoire, intemporelle,

elles attendent des lumières d’âme pour être en compagnie.

.

Abner Rossi – Fiorenza Del Corso

Categorie
Poesia

Se io potessi sapere


Nel tuo nome

ho trascorso quei lunghi inverni

dove l’anima si fa piccola

inseguendo la luce

che sembra perdersi o confondersi.

.

Nei tuoi occhi

ho trovato gli azzurri

nonostante crepuscoli precoci

e i miei cieli stranieri.

.

Sulla tua pelle senza alcuna età

e con tutte le lune al proprio posto

ho vissuto saperi troppo intensi

per un individuo che spera ancora

di poter essere comune, semplice, ovvio.

.

Così

mi sono presto arreso

ai mutevoli venti delle mie stagioni,

a tutto ciò che matura appena in tempo

e poi va come è normale andare.

.

Tu sai bene

che ho conosciuto più improvvisazioni che accordi

e che ho smesso da poco tempo di averne paura.

.

Nel tuo nome

ho costruito le mie nuove preghiere,

adattandole e raffinandole al sole

di quando sorridi perché sai sorridere.

.

Sulla tua bocca il fuoco,

nelle tue mille voci notturne tutti i suoni

sul tuo corpo ciò che i poeti non possono.

.

Abner Rossi

#abnerrossipoesie #giampierobinipittore

Categorie
Poesia

Isole oltre


Le umane isole

oltre ogni pensiero, tempo e modo

solari, tempestose, oscene

come l’oltre deve essere ed è.

.

Nessun particolare sconosciuto

tutto al suo casuale posto,

dov’è nessun fatto e tutti i fatti.

.

Delle tue mani il tocco.

Del tuo sorriso il suono.

Del mio volerti l’apnea.

.

Quel loro essere a metà,

come sono anche al principio e alla fine

dove l’essere nostro finisce ed inizia.

.

Non luoghi e acque e montagne,

solo miliardi di passi senza orme

per le sconosciute leggi anarchiche

che muovono sia il più piccolo pulviscolo,

che le stelle.

.

Isole dove ancora deve accadere

quel che deve compiersi, tradursi,

decidersi

oppure virerà verso ciò che poteva essere e non è stato.

.

Poco importa l’uno e l’infinito

quando l’idea stessa di direzione è falsa.

.

E in quel mare di baci nessuno scoglio

offrirà appiglio alle ancore di carta

dove sono tracciati i sogni amorosi

del primo e dell’ultimo mozzo

che in coffa ti cercherà senza vederti

pur avendoti accanto.

.

E non sarà mai un calmo approdo il finale.

.

Abner Rossi – 19 Maggio 2021.