Categorie
Poesia

il mio luogo


Non so se esisti, non so come sei fatto
se sei reale come un luogo vero
dove son nato e dove son vissuto
oppure il frutto di una fantasia
che ogni tanto appare e poi svanisce.

Quel che so è che non trovo un nome,
un modo di chiamarti e farti mio,
un indirizzo, una direzione

se sei il mio centro o la periferia.

Sulle mie carte non ti ho mai trascritto,
sei in assoluto senza posizione.
So che confini con infiniti luoghi
nei quali ho visto tutto e non ho visto.

So che assomigli a molti originali
odori di vittorie e di sconfitte
d’amicizie antiche ormai sfiorite

e pesi di quel niente che è passato.

Ti ho visto scritto nelle mie esperienze
alcune vere, altre solo scritte,
spesso prese in prestito alla vita,
altre rubate, come faccio spesso,
a quei fantasmi che mi porto dentro.

Sui tuoi confini ho scritto la mia vita,
quella reale che non ho mai scritto,

umida di passione e tanti amori

e anche quella di inutile scrittore.


Pagine e pagine che si son riempite
di vita vera, di mille sensazioni
tutte pagate con il mio sudore,
tutte scomparse, comprese le illusioni.

Adesso voglio andare fino in fondo,

conoscerti davvero, vederti in faccia.

Sapere
se sai di mare, se sei freddo o caldo,
se c’è il mio amore, se c’è la mia casa,
se sono lì le cose che ho raccolto
con la pazienza che non ho mai avuto.

Abner Rossi

5 risposte su “il mio luogo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.