Stasera più di sempre


Non sei un pensiero fisso

ma ti cerco spesso,

stasera più di sempre,

non capisco.

— 

E non ti troverò,

non questa sera, non qui,

non a queste latitudini mentali,

forse nemmeno nel resto di questa vita.

 —

Certo

non ti troverò nel girovagare

inquieto di un sentimento

di abbandono.

 —

Tu abiti e vivi in spazi diversi,

ed io non sono in grado

di pensarti,

nemmeno come un ricordo.

 —

Vedi amore mio,

si può essere abbandonati

anche se nessuno ti abbandona.

 —

Si può essere abbandonati

solo per la ferma convinzione

assoluta, fredda, certa,

della insensatezza di una storia

per la quale non ero pronto.

 —

Più facile cercarti sulla mia pelle,

dove hai lasciato orme, tracce e passi,

intere geografie e memorie.

 —

Ecco, si! Sul mio corpo

dove hai scritto incancellabili

parole di fuoco,

con il tuo linguaggio salato

di oceano donna,

di femminilità pura e feroce.

 —

Sul mio corpo dove hai dipinto

sulla tela della complicità

con colori smaglianti e forti…

e l’hai resa anima.

 —

Sono senza alcun riparo sicuro

dove so di aspettare senza pace

una nuova cicatrice,

una tua frase da aggiungere

al mio essere prima di tutto corpo.

 —

E ti cerco.

===

Abner Rossi (8 aprile 2016)

relazione-a-distanza-_O1

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: