L’ultimo goccio


 

Un buon bevitore

lascia un ultimo goccio

a testimone di sé,

come un segnalibro

da dove inizia e finisce

la sua sbornia o la stranezza

di uno che si beve fino in fondo!

 

Come per l’ultima donna,

l’ultimo amore, l’ultima poesia.

 

Poi si addormenta

sentendo in bocca il proprio fallimento,

quel lieve sapore di accaduto.

 

Sogna sospeso in mezzo alle farfalle,

ma sono foglie morte e già sepolte.

 

Ha dato un senso alla sua poesia:

vino, parole, il proprio fallimento,

farfalle, morte, amore,

tempo che passa.

 

Quindi si risveglia e vola oltre!

 

Abner©Rossi
martedì 8 dicembre
2015
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: