Nel tempo lungo dell’universo


 

Ricordi?

Ci salvò la passione

e nient’altro.

 

Ci rese immuni

dal gridar delle lacrime

e dal nascere improvviso

di intollerabili foschie.

 

Per i giovani amori

è più semplice chiudersi

che incamminarsi,

più facile

prendere strade diverse,

quasi più dolce il rimpianto

dopo l’abbandono.

 

Noi conoscevamo i sapori,

gli odori delle notti insonni

con o senza luna.

 

Sapevamo

dell’attrazione per ciò che è

aldilà di giovanili mitizzazioni

e la nostra prima volta

fu

come fosse già stabilita

e già scritta da altri

nel tempo lungo dell’universo.

 

Per strane coincidenze

eravamo preparati e consapevoli

del dopo della tenerezza.

 

Sembrava solo sesso

e lo era, come ben altro:

 

invenzione allo stato puro,

il gusto di scrivere insieme

di notte

il giorno dopo.

 

Abner Rossi 3 novembre 2015

mlm31_3

  1. stupenda

  2. Felicissime immagini, una passione lunga una vita, parole stupende in bocca ad un “uomo” che conosce l’amore.

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: