Periferia


 

Cade dagli orli

di un vestito scuro

il primo respiro del mattino.

 

Una leggera pennellata

di vento a dir che è ancora nuovo

il nuovo giorno.

 

Poi saranno colori.

 

Posso soltanto osservare,

da quel remoto spazio-tempo

che mi appartiene e non mi definisce,

 da quel discorso incompiuto

dove mi vivo in periferia.

 

Mi costringo ad ammettere,

nel silenzio del fascino e senza ipocrisia,

che tutto mi sfugge per sua grandezza.

 

E non c’è scienza che aiuti

il mio sentire.

 

Abner Rossi  (26 ottobre 2015)

anziano  

    • Cristina
    • 23 novembre 2015

    (Y)

    • 49mimosa
    • 23 novembre 2015

    Meravigliosa!

    Rosetta

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: