E’ come se piovesse infanzia


Oggi

ho questo tempo addosso,

è me più di se stesso,

tende a saldare i conti con il caldo,

lo immerge dove vivono le muffe,

assume dentro i colori, non emigra,

spegne tutto ciò che è barocco.

 

Vive nel suolo,

anzi,

s’interra più profondo che può,

si cura di radici e di futuro.

 

Mentre si apparta,

trasforma ciò che è morto

in nuova vita.

 

Senza suoni evidenti

canta una nenia antica

di saggezza.

 

Dona alla speranza

qualcosa di più simile

a certezza.

 

Abner Rossi

Sabato 10 ottobre 2015
radici
  1. impagabile. grazie.

  2. è un ciclo che si apre e si chiude traendo da se stesso il nutrimento per rigenerarsi, proprio qui sta la sua perfezione. Ciao!

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: